domenica 6 maggio 2007

Ho visto cose che voi umani …

harrisonford_bladerunner_1














“Ho visto cose che voi umani non potreste immaginare... navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire...”


Da “Blade Runner” (Ridley Scott – 1982) – Monologo finale del replicante Roy.


4 commenti:

ceglieterrestre ha detto...

...Finalmente i vomitori furono aperti e la folla si precipitò al centro e continuò per ore a entrare. I ruggiti delle belve, che aspiravano l'esalazione della folla, si facevano sempre più terribili, mentre gli spettatori, nel prender posto, rumoreggiavano come un mare in tempesta...

di Enrico Sienckiewicz
" Quo Vadis?"

ceglieterrestre ha detto...

...Finalmente i vomitori furono aperti e la folla si precipitò al centro e continuò per ore a entrare. I ruggiti delle belve, che aspiravano l'esalazione della folla, si facevano sempre più terribili, mentre gli spettatori, nel prender posto, rumoreggiavano come un mare in tempesta...

di Enrico Sienckiewicz
" Quo Vadis?"

jazzfromitaly ha detto...

...e infatti,
chiude ,
la più autorevole rivista europea di approfondimento sulla musica jazz, fondata a Parigi nel 1935 da Charles Delaunay e Hugues Panassiè.

“Ho visto cose che voi umani non potreste immaginare..."

jazzfromitaly ha detto...

...e infatti,
chiude ,
la più autorevole rivista europea di approfondimento sulla musica jazz, fondata a Parigi nel 1935 da Charles Delaunay e Hugues Panassiè.

“Ho visto cose che voi umani non potreste immaginare..."